Martedì, 04 Giugno 2013 08:40

UN CUORE GIOVANE DI CENTO ANNI

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)

UN CUORE GIOVANE DI CENTO ANNI

SMS leginese, roccaforte di ideali e di solidarietà

di Irene Salinas

Una Società Mutuo Soccorso come un castello, con il portone spalancato. Che non guarda Legino dall'alto, che non è arroccato sulla collina. Non ha barricate né torri, perché non deve difendere, ma accogliere. E unire. La SMS Fratellanza Leginese è una roccaforte di ideali, un punto di riferimento da 100 anni. Non solo per i Soci, ma per un quartiere intero. Ogni leginese sa che c'è, ogni leginese la riconosce come il cuore pulsante che regala battiti. Che fa vivere. 614 soci per due componenti, la Società Leginese e il Circolo Milleluci. Ognuna con il proprio consiglio direttivo, ognuna con il proprio statuto. Come le mani che, come sulla bandiera della Società, si stringono. E un solo obiettivo. Da sempre. La solidarietà.

100 ANNI E NON SENTIRLI

Compie 100 anni l'SMS Fratellanza Leginese. L'idea nasce nel 1913, quando un gruppo di giovani con gli animi caldi in un inverno troppo freddo, si riunisce nel pianterreno di un edificio di via Massa, all'epoca via Ferriere. Il primo atto ufficiale è la gestione della cantina, la produzione e la vendita del vino. Lo spirito è quello consorzista. Ma c'è di più. Aiutarsi in un mondo che non aiuta, tutelare i lavoratori in anni dove non ci sono né assicurazioni né mutua.

«Tra le mura di via Massa – spiega Alessio Artico, dal 2009 presidente dell'SMS – si sviluppa l'idea che le povertà dei singoli possano diventare ricchezza del gruppo. Ma i lavoratori che si autodeterminano, il popolo che si unisce, spaventano». I leginesi vengono così sfrattati da quel pianterreno e, nomadi senza una terra, investono risparmi e sogni in un terreno di via Chiabrera. Lì, in quella strada che profuma di arbusti, tra chiesa e scuola, viene inaugurata l'SMS Fratellanza Leginese. E' il 1914, l'ombra della guerra bussa alla porta. I locali societari vengono confiscati, ma le idee, quelle no. Il gruppo si riunisce in un appartamento vicino a Villa Ruggero e, alla fine del conflitto, con il presidente Rebagliati, torna in via Chiabrera. Per non andarsene più. Diventa Società Anonima Cooperativa di Mutuo Soccorso Leginese nel periodo fascista, per tornare società nel 1949. Anni di lotte, anni duri. Ma l'unione fa la forza. «La Società – continua Artico – offriva assistenza ai soci, assicurazioni in caso di malattie, servizi sanitari complementari. E, parallelamente, sviluppò la volontà di portare la cultura a Legino, quartiere di contadini e operai, che si tradusse nell'istituzione della biblioteca, negli anni '60. Successivamente, un po' perché viene introdotta la mutua pubblica, un po' per sfida, la società diventa altro. Si rinnova, si sviluppa. Cresce. E con essa crescono le attività. Ci si dedica alla parte ludica e ricreativa, viene istituito il bar, il servizio di ristorazione. Che verranno affidate al Circolo Milleluci. Sagre, cene, serate di ballo, ma lo spirito resta. Vivo, ancorato, determinante».

NESSUNO E' BRAVO DA SOLO, SI VINCE INSIEME

Solidarietà, mutualismo e gestione della sede. Questi i compiti dell'SMS Fratellanza Leginese di via Chiabrera. Eternamente sospesa tra passato e futuro. Tra chi è seduto su quelle sedie rosse e gioca a carte da oltre quaranta anni e un consiglio d'amministrazione che vede nelle cariche più importanti chi nemmeno li ha quaranta anni. L'impegno che ha sfidato anni e soprusi, l'idea di un aiuto concreto incastonata tra i muri, si traducono in iniziative portate avanti con la sola forza del volontariato. «La Società vive e sta in piedi grazie ai soci che in un'ottica volontaristica collaborano gratuitamente – spiega Alessio Artico – ecco allora che le capacità di ognuno si sommano e si fondono con quelle di un altro. C'è il socio elettricista, quello che si occupa del web, chi dell'impianto musica. Mogli, fidanzate dei soci e socie stesse cucinano durante le feste e le sagre, con impegno e dedizione. Tra parole e risate trascorrono pomeriggi e sere intere a preparare i piatti». E sono proprio le sagre e le cene sociali il fiore all'occhiello della Società. Dalla sagra della lumaca a quella di ceci e cotenne, dalla cena per la festa della donna a quella per il 25 aprile. Momenti che esaltano la partecipazione e l'unione, lo spirito solidale, la voglia di stare insieme e condividere.

UNO SGUARDO VERSO GLI ALTRI IL LAVORO DI RETE

L'SMS Fratellanza Leginese non guarda solo ai propri soci. Volge lo sguardo anche ad altre associazioni, forte di un lavoro di rete consolidato negli anni. Quasi a voler sottolineare il concetto che sono tanti i tasselli che compongono un mosaico. Diversi, ma uniti. Tante le collaborazioni, prime fra tutte quelle con le altre società, la quilianese, la SMS di Cantagalletto, quella di Marmorassi. Ma anche con Emergency, l'Anpi, la Croce Bianca, il Canile Municipale. Con iniziative, incontri. Ed è proprio l'ampio respiro della Società Leginese ad aver portato il Presidente ad organizzare la Festa del Volontariato, che nel settembre di quest'anno andrà in scena per la quinta volta. «Il Volontariato è a Savona, questo il motto dell'iniziativa – commenta Artico – solitamente la festa si articola in tre giornate, con la presenza di stand espositivi delle associazioni e l'opportunità di cenare insieme. Il segnale è forte, ricordare alla città che buona parte dei servizi è svolto da persone che a titolo gratuito dedicano il proprio tempo ad attività importanti e utilissime». La Festa del Volontariato è solo una delle numerose iniziative del lavoro di rete della Società, storicamente di sinistra, ma dichiaratamente aperta.

UNA SOCIETA' PER UN QUARTIERE E UNA SCUOLA

Un po' perché è la sola società rimasta, un po' per l'impegno dimostrato, l'SMS Fratellanza Leginese è il cuore del quartiere. Un quartiere che in quella società ci si ritrova. Che, tra quelle mura, si sente protetto e, forse, cullato. «Legino, per molti aspetti, può essere considerato una periferia. Ma, tra le vie, si respira l'idea che sia un quartiere dove si viva bene. La Società è a totale disposizione dei leginesi, svolge un'attività importante in seno alla comunità. Lo fa, ad esempio, con incontri periodici con medici, per informare la cittadinanza su temi che riguardano la nutrizione, l'oncologia, la ginecologia. Alla base dell'iniziativa, c'è l'idea dell'ambulatorio, costruito nella sede di via Chiabrera negli anni '70. Il passato trova sbocco nel futuro. Con continuità, con lo stesso spirito». Ma è la scuola ad essere la priorità, il chiodo fisso del presidente Alessio Artico, uno dei più giovani della provincia. Una scuola che, come poche altre a Savona, è un istituto comprensivo. Le classi delle elementari e quelle delle medie condividono lo stesso edificio. «L'Istituto Mignone trova nella Società un valore aggiunto – commenta il presidente dell'SMS Fratellanza Leginese, Alessio Artico – ma, indubbiamente, vale anche il contrario. Tante le iniziative rivolte agli alunni. Dalla castagnata in autunno, al Carnevale con la tradizionale pentolaccia e la sfilata. Ma anche l'organizzazione di piccoli concorsi dove bambini e ragazzi, attraverso temi o disegni, riscoprono antiche tradizioni e il significato del volontariato. Gli elaborati vengono presentati nella Società, che con immenso piacere ritrova il proprio spirito nelle idee di chi, quello spirito, lo condivide pur non avendolo mai vissuto». Nelle parole di Artico c'è la volontà di abbracciare bambini, ragazzi, stringere le nuove generazioni, educarle alla solidarietà. Per passare il testimone, forse. Di sicuro per non permettere che lotte e sacrifici possano un giorno andare perduti. Per conservare l'impegno.

LA VOCE DI UN PADRE

E c'è chi, quell'impegno, lo stringe ancora tra le proprie mani. Anche se, forse, hanno perso la forza di un tempo. Ma che restano grandi e colme di un senso di appartenenza che non troverà mai fine. Luciano Cirillo ha 80 anni. E nella Società di Legino ne ha trascorsi quasi 70. Lui che era un ciclista conosciuto, che ha portato l'SMS Leginese sui podi di tutta la Liguria. Presidente per otto anni, Cirillo entra nel consiglio a sedici anni, con i pantaloni al ginocchio e gli occhi pieni di sogni. «Da quel 1955 ad oggi, non ho mai abbandonato questi muri – dice Cirillo – qui trovo tutto quello che cerco, è sempre stato così. Anche quando lavoravo al porto e i tempi erano duri ma con la Società a proteggerci lo erano meno. Fuori è cambiato tutto, ma qui dentro no. Lo spirito è sempre lo stesso. Quello dell'aiuto, della condivisione. Che c'è in una semplice partita a carte, come in un'iniziativa sociale».

Abita sopra la farmacia di Legino, il signor Cirillo. Ogni sera si affaccia alla finestra, per assicurarsi che le luci della Società siano spente. La sua è una dedizione viscerale, frutto di anni dove i soldi non c'erano ma i progetti sì. E allora si investono i risparmi, non si smette di credere. E ci si riesce. «Dico sempre che la Società è la mia seconda famiglia – racconta Cirillo tra un sorriso – ma mia moglie mi corregge, "è la prima!". Non so spiegare cosa mi leghi a questo luogo. Il tempo che passa, i ricordi. Un impegno che sopravvive agli anni, condiviso. L'entusiasmo di chi, con poco, riesce a fare tanto. Perché è il poco, ma di tanti». Cirillo, come molti altri soci, trascorre le giornate tra le mura della Società. Tante parole. C'è chi discute di politica, chi racconta cosa combinano i nipoti. Ogni tanto qualche litigio per una mano sbagliata a carte. Poi però ci si beve sopra un bicchiere. L'SMS Fratellanza Leginese vive negli occhi di chi la ama. Di chi l'ha vista attraversare bufere e tempeste, risorgere per poi splendere. Di chi ci si è dedicato ogni giorno. Perché nessun luogo è come quello. E allora va difeso, tutelato. E regalato al mondo, a un quartiere che vive di ricordi, aspettando il futuro.

Articolo tratto da "Un Cuore giovane di 100 anni" su savonagraffiti.it

 

 

 

 
Letto 1937 volte Ultima modifica il Martedì, 04 Giugno 2013 08:43

Seguici su..

Banner
Banner

Ricerca

Calendario

Non ci sono eventi al momento.

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 14
Link web : 9



Powered by 1000lux Team Copyright 2010 - S.M.S. Fratellanza Leginese P.IVA: 00160080099. Designed by: joomla templates vps Valid XHTML and CSS.